Per una visione olistica dell’azienda

In più settori che si occupano di benessere della persona, si è introdotta e compresa l’importanza di una visione olistica dell’individuo. Una visione cioè che considera la persona come un’unità-totalità non esprimibile con l’insieme delle parti che la costituiscono.

l’importanza di bilanciare aspetti materiali con aspetti introspettivi

Anche in riferimento alle aziende, sarebbe importante e necessario un bilanciamento tra gli aspetti materialistici e quelli spirituali: avere quindi una visione olistica dell’azienda.
Il materiale è quell’aspetto di estroversione che porta a identificarsi con qualcosa di esterno. Lo spirituale si identifica invece con un oggetto trascendente (cioè al di sopra dell’esperienza sensibile).
Un’azienda con un approccio olistico include, promuove e valorizza competenze reali, formali e lo sviluppo della consapevolezza. Mirando al raggiungimento di livelli sempre più profondi di quanto potrebbe fare l’intelletto.

verso una conoscenza “trasformazionale”

In contrapposizione all’educazione tradizionale, che si fonda su un apprendimento “transazionale”, l’approccio olistico promuove un apprendimento “trasformazionale”. L’obiettivo è quello di espandere la consapevolezza personale, attraverso l’introspezione, gli atteggiamenti e i valori.
Una visione olistica della conoscenza mira ad approfondire e plasmare il potere creativo umano. A stimolare l’autorealizzazione e l’empatia. A far si che ci si metta continuamente in gioco.

competenze: cosa si intende?

Un’azienda in grado di prestare attenzione agli aspetti introspettivi otterrà maggiori e migliori prestazioni. Pensare che un buon dipendente sia colui che è solo in grado di svolgere bene il proprio lavoro è un errore. Un buon dipendente deve avere anche e soprattutto altre qualità: indipendenza, spontaneità, elevate capacità creative, ispirazione, coraggio e ampia consapevolezza. Deve avere una elevata moralità, salute fisica e mentale. Deve essere capace di amare e di essere empatico.

per una consapevolezza collettiva dell’azione

Dipendenti con capacità di consapevolezza individuale, porteranno l’azienda stessa a un grado di maggiore consapevolezza collettiva dell’azione. Questo avviene solo trascendendo l’intelletto per arrivare a una connessione più intima con la realtà, basata su emozioni e intuizioni.
L’unione di consapevolezze individuali dà vita ad un’azienda in grado di realizzare attività di qualità sempre più elevata, con enormi capacità di adattamento ai cambiamenti e una tendenza alla pro-attività.
Per arrivare a questi risultati, diverse sono le tipologie di intervento attuabili.


Trilogy offre servizi di counseling e coaching aziendale, organizza incontri di training di gruppo e personale; per informazioni sulle date dei corsi e le caratteristiche dei servizi personali, contatta il tuo referente o clicca il pulsante qui sotto.


Chiara Motti

Chiara Motti

manager counselor, life coach, human-resource manager