Smart Working

la tua azienda è pronta?

Trilogy può aiutarti fattivamente su qualsiasi aspetto, tecnico e umano


La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. E’ nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere superato.
— A.Einstein

la situazione generata dall’arrivo in italia del coronavirus ha reso necessario adottare soluzioni di smart working, nelle realtà e nelle aziende attrezzate a farlo.

l’impatto, più o meno sorprendente, ha toccato diversi aspetti (notevole riduzione del traffico, con conseguente riduzione dello smog, giornate di lavoro più a misura di uomo, ritmi di vita maggiormente sostenibili) facendoci toccare con mano un modo di lavorare e, conseguentemente, di vivere diverso, forse migliore.


da anni si parla di smart working e diverse sono le realtà che lo hanno introdotto, ma essere un datore di smart working è molto di più che dichiararsi di esserlo.

il lavoro remoto non è solo una questione tecnica, ma una nuova “forma mentis”; non solo è necessario un efficace ecosistema di strumenti quali VPN, Firewall, software di messaggistica, di videoconferenza e di avanzamento lavori, ma è anche indispensabile istruire le persone coinvolte e prepararle a un modo di lavorare completamente diverso da quello a cui sono abituati.

fallire uno di questi 2 aspetti farà fallire l’intero progetto, generando frustrazione e sfiducia nei collaboratori

La regione Lombardia ha già stanziato
4,5 milioni di euro

L’Avviso è rivolto ai datori di lavoro, iscritti alla Camera di Commercio o in possesso di partita IVA, con almeno 3 dipendenti, per:

Azione A: servizi di consulenza e formazione finalizzati all’adozione di un piano di smart working con relativo accordo aziendale o regolamento aziendale approvato e pubblicizzato nella bacheca e nella intranet aziendale

Azione B: acquisto di “strumenti tecnologici” per l’attuazione del piano di smart working Le attività dovranno essere svolte esclusivamente presso sedi operative o di esercizio lombarde.

Le domande potranno essere presentate a partire dal 2 aprile 2020 fino al 15 dicembre 2021.

stanziando la bellezza di 4,5 milioni di euro così suddivisi:

€ 3.000.000,00 destinati alla realizzazione di interventi nell’ambito dell’Azione A – Supporto all’adozione del piano di smart working

€ 1.500.000,00 destinati alla realizzazione di interventi nell’ambito dell’Azione B – Supporto all’attuazione del piano di smart working.

TRILOGY può agire su entrambe le “Azioni” di cui parla l’avviso delle regione Lombardia rientrando pienamente nel fondo messo a disposizione e, nello specifico, può supportare le aziende in ambito tecnico, umano e di attuazione.


Affrontiamo insieme questa opportunità

ASPETTO TECNICO

è indispensabile dotarsi di una struttura adeguata che supporti questo tipo di lavoro, che non sia eccessivamente complessa ed economicamente accettabile, scegliendo le soluzioni che più si adattano al tipo di lavoro, al territorio e alle necessità specifiche del tuo settore.

ricordatevi che sono gli strumenti a doversi adattare alle persone e non viceversa

sul mercato esistono un quantità sterminata di soluzioni e strumenti e il problema non è la soluzione scelta, ma la sua applicabilità e compatibilità con le caratteristiche uniche di ogni impresa.

cosa possiamo fare per te in quest’area

solo dopo un’attenta analisi, ti forniremo tutti gli strumenti necessari per permettere ai tuoi dipendenti di lavorare in remoto, in tutta sicurezza e con facilità, scegliendo le soluzioni che più si adattano alla tua attività: dagli apparati fisici (router firewall ecc.), ai servizi interni ed esterni necessari (webmeeting, avanzamento lavori ecc.).

ASPETTO UMANO

pensare che Smart Working significhi lavorare nello stesso modo, ma in luoghi che non siano l’ufficio, è il presupposto peggiore con il quale partire.

se l’ambiente di lavoro, e le dinamiche a esso collegate, cambia, deve cambiare anche l’approccio con cui si lavora.

la lontananza dall’ufficio, e dai colleghi di lavoro, impone la necessità di adottare modalità e strumenti completamenti diversi. la metodologia Agile, e gli strumenti ad essa connessi, utilissima e altamente efficace nel lavoro in ufficio, diventa prezioso strumento per consentire di lavorare da altri luoghi.

cosa possiamo fare per te in quest’area

ti offriamo tutto il supporto necessario per far sì che in azienda si realizzi quel cambiamento, nella mentalità e nella metodologia, che permetta di lavorare in modalità smart working, organizzando corsi, fisici e in webmeeting, di gestione del tempo e del lavoro in ambito domestico e delocalizzato.


I vantaggi sono tangibili

centrare questo obiettivo è la chiave di volta per un rilancio aziendale che ormai (fortunatamente) è un passo obbligato per tutte le aziende Agili che, con flessibilità, si adattano al cambiamento senza ottusamente seguire un piano definito destinato a fallire.

si rende necessario quindi cambiare la cultura aziendale, portandola verso un mindset orientato alla produzione di valore, in cui si utilizzi un “performance management” guidato da obiettivi ben definiti e in cui il focus sia su risultati di valore anziché sul tempo/presenza; in un ambiente collaborativo e basato sulla fiducia, che agevola la crescita personale e il coinvolgimento, producendo vantaggi tangibili:

per l’Azienda
  1. riduzione dei costi
  2. aumento della reputazione come datore di lavoro (employer branding)
  3. aumento della produttività
per le Persone
  1. maggior coinvolgimento dei dipendenti (employee engagement)
  2. miglior equilibrio tra lavoro e vita (work-life balance)
  3. minore pendolarismo
per la Società
  1. riduzione emissioni CO2
  2. riduzione rifiuti
  3. riduzione incidenti stradali

Smart Working NON vuol dire telelavoro

nel telelavoro la postazione del lavoratore è fissa e predeterminata nel contratto, viene allestita nel luogo prestabilito e potrà essere cambiata solo su accordo delle parti. nel caso dello Smart Working, invece, il dipendente è libero di lavorare dove preferisce fuori dall’azienda o in azienda senza una postazione dedicata.

per questo motivo, sia l’aspetto tecnico che l’approccio mentale al lavoro sono cruciali per non fallire miseramente